SEZIONI NOTIZIE

DERBY - Molinari tra Juve Stabia e Salernitana: "Stessa passione, intensità e amore per la maglia

di TS Redazione
Vedi letture
Foto

“Il trionfo a Castellammare, in una città che la serie B non l’ha mai quasi conosciuta, mi ha segnato”. Quando c’è da parlare di Juve Stabia, Morris Molinari è sempre in prima fila. Orgoglioso e fiero del suo passato. L’ex calciatore è uno degli eroi che ha contribuito alla promozione delle vespe in serie B nel 2011. Il Romeo Menti, la sua casa. Col Pescara presente. Non ci sarà, invece, sabato prossimo, in un match specialissimo per lui. “Ma sicuramente vedrò la gara”, ha ammesso l'ex calciatore ai microfoni di Stabiachannel. Juve Stabia-Salernitana non può essere una partita come tutte le altre per Molinari che, dal 2012 al 2014, vestì la maglia dei granata, con cui raggiunse una seconda promozione in cadetteria. “Ho vinto anche a Salerno ed anche a lì, pur essendo più abituati, c’è stata una festa incredibile. Ricordo il giorno della promozione, ci fu una coreografia che si vede raramente in Italia. Giocare in Campania è sempre molto emozionante, ci dovrebbero giocare tutti i calciatori almeno per un anno, per vivere certe emozioni. La differenza tra Salerno e Castellammare sta forse nel bacino, che è più grande nel primo caso. La passione, l’intensità e l’amore per la maglia, però, sono molto simili”.
E sulla prossima battaglia, Molinari dichiara: "Affrontare la Juve Stabia in casa, e lo può dire il Benevento, non sarà semplice. Il livello è molto alto”. Caserta da un lato, Ventura dall'altro. Quanto sarebbe servito per entrambi un Gigante Buono a protezione della retroguardia. Difensore old school, ma dai piedi buoni: Morris Molinari  ha fatto divertire i propri tifosi anche con qualche colpo di genio. “In passato ho fatto qualche goal su punizione… La rete contro il Campobasso? Fu a Salerno in uno stadio importante… Una bella emozione”. E il presente? Per scelta, non fa rima con calcio. “Ho smesso di giocare nel 2014, da lì in poi ho avuto qualche ruolo, ma poi mi sono allontanato, un po’ per scelta e un po’ per altre motivazioni”. Il pallone, però, è sempre al centro dei suoi pensieri. “Ora faccio solo lo spettatore… Il tifoso”. Tra Castellammare e Salerno, perché “certi luci non puoi spegnerle”.

Altre notizie
Giovedì 5 Dicembre 2019
23:00 Esclusive TS ESCLUSIVA TS- PALEARI: "Temo Djuric. Il nostro top player è il direttore sportivo" 22:30 News EX GRANATA - Castori: "Fare risultato a Cittadella per risalire la china" 22:00 News SALERNITANA: prosegue il silenzio stampa 21:30 News OCCHIO ALL’AVVERSARIO: il Cittadella prepara la volata 21:00 News SALERNITANA: al Tombolato per sfatare un tabù e ripartire subito 20:30 News SALERNITANA: in Veneto per sfatare il tabù Cittadella 20:00 News TIFOSI: il dato aggiornato della prevendita 19:45 News SALERNITANA: esercitazioni tecnico-tattico al "Mary Rosy" 19:30 Mercato JUVE STABIA: nel mirino un giovane terzino del Cesena 19:00 News SALERNITANA: il gruppo si ricompatta insieme al mister e al...karaoke 18:30 Mercato PERUGIA: ripresi i contatti con un ex Palermo 18:00 Mercato MERCATO: sirene dalla Lega Pro per un giocatore 17:30 News BENEVENTO: da record, dopo 14 turni mai un distacco così dal 2° posto 17:00 News SALERNITANA: arriva una brutta notizia per la Primavera 16:30 Mercato VENEZIA: un difensore potrebbe lasciare il club a gennaio 16:00 News SALERNITANA: una brutta notizia dall'infermeria 15:30 Mercato PESCARA: continua la caccia al bomber. Tre i nomi in pole position 15:00 News SALERNITANA: quante sono le probabilità di vincere a Cittadella? 14:55 News SOCIAL - Non solo Twitter e Facebook, Tuttosalernitana è anche su Instagram: clicca e seguici! 14:45 News TUTTOGRANATA: in onda stasera giovedì alle ore 19,10 su Radio MPA