SALERNITANA: deludente inizio di 2018, record negativo della gestione Lotito-Mezzaroma

di Valerio Vicinanza
articolo letto 374 volte
Foto

Il 2018 non sembra aver portato in casa Salernitana la tanto attesa svolta, anzi. Il rendimento dei granata in queste prime quattro giornate dell'anno solare è stato piuttosto deludente, con appena 4 punti conquistati, frutto del successo sul Venezia e del pareggio di Terni. Un avvio di nuovo anno non si vedeva da due anni, quando Torrente (3 gare) e Menichini (1 gara) ottennero gli stessi punti nelle prime quattro partite del 2016. In entrambi i casi si tratta del record negativo della gestione Lotito-Mezzaroma: lo scorso anno ad esempio con Bollini ottenne 7 punti in 4 gare, battendo Spezia e Vicenza e pareggiando col Novara, oltre al ko contro il Verona; anche nel 2015, in Lega Pro, i punti furono 7, con 2 vittorie (contro Martina e Aversa) 1 pareggio (contro il Cosenza) e 1 sconfitta (contro la Casertana); nel 2014 i granata, allenati prima da Perrone (3 gare) e poi da Gregucci (1 gara), ottennero 6 punti, battendo Gubbio e Barletta e perdendo contro Lecce e Pontedera; nel 2013, invece, l'avvio fu dei migliori, con 10 punti conquistati dalla banda Perrone, vittoriosa sull'Aquila, sul Chieti e sull'Aversa ma fermata sullo 0-0 in casa dall'Arzanese; infine nel 2012, in Serie D,  Perrone conquistò 9 punti, battendo Palestrina, Selargius e Sora e cadendo in casa contro il Città di Marino.

Per via di questo score la Salernitana galleggia ora pericolosamente a soli tre punti di distanza dalle sabbie mobili dei play-out, ma in un campionato così equilibrato una serie di risultati utili potrebbe invertire il trend, riportando i granata nelle zone nobili della classifica.


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI